Pagine

giovedì 17 maggio 2007

L'antiromanista spiegato a mio figlio

Di certo sarebbe più opportuno non riaprire antiche ferite per i romanisti (tra cui la sottoscritta) ma ho finalmente trovato il testo e l'mp3 di una poesia di Valerio Mastrandrea letta dallo stesso autore durante la trasmissione Viva Radio2 di Fiorello e Baldini.
Facendo i debiti scongiuri che quanto accaduto a Manchester non venga replicato stasera contro l'Inter, godetevi la lettura e l'ascolto de...
L'ANTIROMANISMO SPIEGATO A MIO FIGLIO

Si a papà, era sera... era d'aprile
er pesce era passato
muto e senza spine.
Nell'Albione perfida e a modello,
cavalli mozzicanti invece che er manganello.
S'era partiti pè n'impresa,
de quelle da raccontà davanti ar focolare.
Tutto bruciava 'n petto,
muto !! Er cellulare.
Chi era rimasto in terra sampietrina
era du' giorni che nun dormiva come dormiva prima
er traffico nun c'era,
i semafori silenti
i dentisti s'erano rifiutati de capà li denti
i televisori a palla coprivano li piatti apparecchiati
qualcuno pannellava
sciopero dei carbroidrati.
Poi venne l'ora...
quella che nun viè pe' tutti
eravamo tutti belli a papà
nun esistevano più li brutti
nun era un sogno era reale
manco li gabbiani sur tetto der quirinale
parte l'orologio... fischia l'omo in giallo
partono le vene pompa, er core de metallo
manco la prima scarica de adrenalina pura
che ar decimo più o meno l'idraulico ce stura
ce stura er lavandino dove nun score niente
se non il sangue de chi crede a la panza e no alla mente
tu pensi "daje... daje regà, nun è successo niente,
è 'na battaja, battaja dirompente,
via la maja dai carzoni, sporcateve er battente"
e invece niente...
li vedi rotolà su un prato all'inglese
come 'na balla de fieno a Porta Portese.
Poi parte un conto alla rovescia dei malrovesci che ce danno
pensi ancora "daje... basta poco !" si... ma quanno
nun c'è er tempo pè fermà er tempo boia
pensi "mai... mai, un giorno de gloria"
e qui, papà, devi pensà
si! che chi dopo sta sera d'aprile è annato a festeggià
la gioia la troverà solo sulle disgrazie altrui
pè sta gente nun c'è luce... a papà, ma solo giorni bui !
perchè chi pe' sorride deve vedè piagne uno, mille e centomila
è uno che nella vita sua starà sempre in fila
chi invece la prova... la vita sulla pellaccia
nun starà mai a chiede un sorso da' n'artra boraccia
sii orgoglioso, a papà, de' provà emozioni davanti 11 leoni
a vorte un po' cojoni... è raro, amore mio
è raro come te
e come mamma tua
che dopo er 7 a 1, c'ha lasciato a sparecchià
LI MORTACCI SUA !!!
Per chi volesse ascoltare l'mp3, ecco il link
Vogliano scusarmi i tifosi di altre squadre se rimando ad un sito prettamente romanista ma...è lì che l'ho trovato ;-)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ipocrisia allo stato puro, i romanisti vogliono atteggiarsi a superiori, ma anche loro godono delle disgrazie della lazio, mastrandrea con questa poesia voleva solamente sfogare il proprio rosicamento dopo il 7 a 1

Anonimo ha detto...

Non scherziamo..."Rosicare" è un conto, "fare il frocio con il culo degli altri" è un altro... I laziali soffrono di un ancestrale, grave complesso d'inferiorità nei confronti della Roma alla quale invidiano nome e colori sociali...