Pagine

mercoledì 6 aprile 2011

Promemoria del fotografo

Abbiamo comprato la nostra macchina fotografica (la scelta è caduta sulla reflex) e ora?
Per prima cosa bisogna leggere bene il manuale di istruzioni, non ci sono santi! Le reflex digitali sono più ostiche rispetto alle analogiche. Hanno diversi parametri da settare, dal bilanciamento del bianco all'autofocus fine. Con le analogiche tutto si risolve in: carica rullino, imposta tempo e diaframma e via!
Vediamo un po' di elaborare un piccolo promemoria per evitare errori banali.
  1. Caricate la batteria. Effettuate la carica prima di ogni escursione. La macchina consuma molta batteria nella visualizzazione delle immagine sul display e, soprattutto se si è alle prime armi e la voglia di rivedere ogni scatto non molla, la batteria dura molto meno. Valutate l'acquisto di una batteria di riserva.
  2. Formattate la memory card. Dopo aver salvato i vostri scatti, formattate la memory card tramite fotocamera. Eviterete problemi di incompatibilità della formattazione e allo stesso tempo non vi ritroverete con la scheda di memoria piena proprio sul più bello!
  3. Inserite la memory car nella reflex! Esperienza personale di quest'anno: sono uscita di casa armata di tutto punto, con zaino e obbiettivi pronti all'azione, inizio a scattare e...non c'era la scheda di memoria! Era rimasta nel card reader attaccato al pc. Inutile dire lo sconforto e l'incavolatura =_=
  4. Settate la sensibilità ISO adatta. E' sempre preferibile utilizzare la sensibilità ISO più bassa, per avere maggior dettaglio ed evitare "rumore".
  5. Effettuate il bilanciamento del bianco. Se si scatta in RAW questo problema è marginale ma è bene settare il bilanciamento del bianco per evitare sgradite dominanti. per capirci: avete presente le foto di interni con dominante blu o gialla? beh, dipende dal bilanciamento del bianco. Se scattate in RAW sarà possibile effettuare in postproduzione la correzione, se scattate in JPEG ci sarà poco da fare.
  6. Scegliete il giusto formato di scatto. Che sia JPEG o RAW, settate la qualità migliore che è permessa dalla macchina.
  7. Pulite il sensore. Io direi piuttosto "Accertatevi che il sensore sia pulito". L'operazione di pulizia del sensore è molto delicata e si rischia di provocare gravi danni alla macchina. Se non siete esperti, rivolgetevi presso un centro assistenza. La pulizia del sensore è fondamentale per non avere foto con antiestetiche macchie.
  8. Pulite la lente dell'obbiettivo. Stesso discorso del sensore: evitiamo foto con ditate e aloni.
I consigli qui sopra elencati possono sembrare troppo semplici ma vi assicuro che è frequentissimo ritrovarsi con la batteria scarica, la scheda di memoria piena o magari ritrovarsi tutte le foto macchiate.
Il Parlamento, il Big Ben e il mio capello =_=
Nel 2004 sono andata a Londra per qualche giorno. Tutte le foto presentavano un segno, come un graffio, più o meno sfocato a seconda della focale utilizzata. Ho portato la reflex, la mitica EOS 300, a far controllare e... tutta colpa di un capello che si era incastrato sulla tendina! 

Quando cambiate gli obbiettivi mantenete il corpo macchina verso il basso così da evitare il deposito di polvere e impurità sul sensore.

3 commenti:

foto su tela ha detto...

Di certo questo tuo elenco mi sarà molto utile!

Emanuele ha detto...

Simpatico, quando leggeremo un post riguardante tecniche?
Attendo con piacere.
Ciao Emanuele

Manuela ha detto...

@emanuele: spero di riuscire a postare al più presto qualche post sulla composizione e la profondità di campo e magari anche qualche scatto sulla gita al giardino dei tarocchi, a capalbio